Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato

Collegati per aver accesso ad offerte esclusive e sconti da urlo!

Facebook
Logout
MENU
Logo Windsor
MENU
Logo Windsor
Prenota ora
Prenota ora

Prenota subito la tua camera presso l'Hotel Windsor!

Arrivo
Partenza
Verifica
Disponibilità
Itinerari
Offerte Speciali
Itinerario su Misura

Crea il tuo itinerario con i local expert dell'Hotel Windsor!

Compila il form sottostante per consentirci di costruire il tuo itinerario, personalizzato in base alle tue esigenze e ai tuoi gusti.
Preparati a scoprire Milano da una nuova prospettiva!

Si, acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi della legge 196/2003 Italiana

Design

Base Milano, il nuovo polo creativo in città

News > Design | Base Milano, il nuovo polo creativo in città

Ha aperto da poco e già vanta un incredibile numero di eventi, iniziative e… persone in fila.
BASE è il progetto con l’obiettivo di promuovere l’innovazione e la contaminazione culturale tra arte, creatività e impresa. 6.000 mq di co-working, laboratori ed esposizioni accolgono questo spirito di innovazione culturale con un calendario fitto di incontri, scambi, eventi e sorprese.

“La nostra bussola”, scrivono gli ideatori di BASE sul sito, “è la cultura, bene comune e motore di progresso socio-economico, individuale e collettivo. Solo attraverso il riposizionamento del suo ruolo, come enzima delle trasformazioni, si può alimentare il cambiamento”.
Ed è alla cultura che BASE ha aperto le sue porte.

Base Milano

Lo stabilimento: l’ex Ansaldo

Base Milano, il nuovo polo creativo in città

BASE si trova nello stabilimento industriale conosciuto come ex Ansaldo, nel Design District di via Tortona. Costruito tra il 1904 e il 1923, si poneva come esempio architettonico di un’epoca di trasformazioni impetuose, caratterizzata dall’impatto delle fabbriche sull’evoluzione della città e delle persone che vi abitavano. In origine, nella fabbrica aveva sede l’impresa di Roberto Zust. Dopo innumerevoli cambi di proprietà e produzione, a metà degli anni ‘60, lo spazio fu venduto all’Ansaldo per produrre locomotive, carrozze ferroviarie e tramviarie. Nel 1989, l’area fu acquistata dal Comune di Milano, con un solo vincolo: quello di adibire l’ex-fabbrica a luogo di incontro culturale.
Così, nel 2015 nasce il MUDEC – il Museo delle Culture di Milano – e, un anno dopo, BASE.

Nella sala principale di BASE c’è una caffetteria, dove bersi un caffè, lavorare al computer o gustare uno dei piatti cucinati con ingredienti semplici e sani ma saporiti.
Oltre al bar, e agli spazi espositivi, BASE ospita anche una residenza d’artista, uno spazio cioè dove il concetto di ospitalità è stato completamente ripensato. L’atmosfera è quella familiare, accogliente e gentile. Dieci stanze, dalle singole alle quadruple. Il loro scopo? Ospitare artisti che, alla loro partenza, lascino un pezzo della loro arte a rappresentarli e, allo stesso tempo, ad abbellire lo spazio.

I prossimi eventi in programma

Cosa vedere al Base di Milano

Molti gli eventi in programma, per quella che è la nuova base della cultura di Milano.
Uno dei più interessanti, a nostro avviso, è quello del 10 giugno: il primo hackaton dedicato all’innovazione culturale, ideato e organizzato da Bookrepublic per Innovazione Culturale, un progetto della Fondazione Cariplo. Si tratta di due giorni non stop di conferenze, dibattiti e workshop a cui possono partecipare designer, creativi, programmatori o semplici curiosi. Contest e speaker di prestigio mondiale, come Brian Chang, della Disney, Chiara Montanari, il capo spedizione in Antartide e Tobias Ahlin, di Spotify, si alterneranno sul palco. L’ingresso è gratuito: un altro buon motivo per partecipare a questo mix di progresso e cultura.

In occasione della ripresa dell’Esposizione Internazionale della Triennale di Milano, 21st Century Design after Design, BASE ospiterà un allestimento di 1200 mq. Fino a settembre, la Triennale lancia una sfida alle contraddizioni, le incoerenze e le incertezze del mondo contemporaneo del design nell’epoca della globalizzazione e della digitalizzazione. BASE accetta la sfida e la interpreta a suo modo, ospitando diverse culture del design mondiale. Israele, ad esempio, ha scelto di raccogliere 20 designer in un collettivo dal titolo Yes, and..; la Repubblica Popolare Cinese, invece, ha portato una mostra dal titolo Design on Walking; la Francia ha creato un allestimento con le proposte del territorio di Saint-Ètienne, città dell’UNESCO. Questo non è che un assaggio: per le altre proposte non dovete far altro che recarvi al numero 40 di via Tortona e visitare BASE.

Sito BASE Milano: base.milano.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *