Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato

Collegati per aver accesso ad offerte esclusive e sconti da urlo!

Facebook
Logout
MENU
Logo Windsor
MENU
Logo Windsor
Prenota ora
Prenota ora

Prenota subito la tua camera presso l'Hotel Windsor!

Arrivo
Partenza
Verifica
Disponibilità
Itinerari
Offerte Speciali
Itinerario su Misura

Crea il tuo itinerario con i local expert dell'Hotel Windsor!

Compila il form sottostante per consentirci di costruire il tuo itinerario, personalizzato in base alle tue esigenze e ai tuoi gusti.
Preparati a scoprire Milano da una nuova prospettiva!

Si, acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi della legge 196/2003 Italiana

Arte e Storia

La Chiesa di San Gottardo in Corte, gioiello nascosto a Milano

News > Arte e Storia | La Chiesa di San Gottardo in Corte, gioiello nascosto a Milano

A chi è in vacanza a Milano consigliamo spesso di visitare luoghi che non rientrano nelle canoniche guide turistiche.

La Chiesa di San Gottardo è una di queste tante mete che vogliamo proporvi e tra l’altro, facilmente raggiungibile a piedi proprio da Piazza Duomo. Superata la cosiddetta “cerchia dei Navigli”, in pochi passi si raggiunge questa bellissima chiesa medievale.

Vi consigliamo di inserirla in un breve itinerario che comprende Palazzo Reale, posto proprio alle spalle.

La storia della Chiesa di San Gottardo

La Chiesa di San Gottardo in Milano fu inizialmente dedicata alla Vergine Maria, solo successivamente a San Gottardo, protettore della gotta e dei calcoli, disturbi di cui era affetto Azzone Visconti che ne commissionò la costruzione intorno al 1336 proprio accanto ai palazzi del potere signorile e vescovile.

La storia di questa chiesa è legata anche a un omicidio: nel 1412, Giovanni Maria Visconti, duca di Milano noto per la sua ferocia, viene assassinato davanti alla chiesa da un gruppo di congiurati sostenitori degli eredi di Bernabò.
Riguardo alle attuali condizioni della chiesa, nel 2014 sono iniziati i lavori di riqualificazione, poiché San Gottardo è stata concessa dal Comune di Milano alla Veneranda Fabbrica del Duomo che si farà carico di tutti gli interventi necessari.
Ci auguriamo che, in tempo per Expo 2015, la Chiesa di San Gottardo, vero gioiello nascosto, entri a pieno titolo nel circuito dei luoghi che rappresentano il patrimonio culturale della nostra città e che i turisti potranno visitare e apprezzare” ha affermato a tal proposito l’assessore del Demanio Daniela Benelli.

San Gottardo Chiesa Milano

Alla scoperta delle opere d’arte di San Gottardo in Corte

Lo stile architettonico esterno cambiò totalmente alla fine del Settecento per opera di Giuseppe Piermarini, nell’ambito dei lavori di rinnovamento in stile neoclassico del Palazzo Reale. Ha conservato invece il suo aspetto originario la splendida torre campanaria, di pianta ottagonale, alla cui base una lapide ricorda il nome dell’architetto responsabile dell’edificio, il cremonese Francesco Pecorari. Sulla sua torre ottagonale fu installato il primo esemplare di orologio pubblico. L’orologio era costituito da un meccanismo, scandiva il passare delle ore con una campana, che destò tale scalpore da chiamare la via adiacente “contrada delle ore”.

All’interno della chiesa di San Gottardo è custodito, e attualmente in restauro, un affresco attorno al quale aleggia il mistero. Nel 1929 sulla base del campanile di San Gottardo, furono scoperti i resti di una grande “Crocifissione” che apparve subito di impronta chiaramente giottesca (ora custodita all’interno della chiesa, dopo i restauri degli anni Cinquanta e Ottanta).
Gli storici dell’arte, pur non osando attribuire l’opera alla mano di Giotto, l’hanno via via assegnata ad alcuni dei suoi migliori allievi, che probabilmente seguirono il maestro nel suo viaggio milanese, come Puccio Capanna, o Stefano, o Maso, oppure Giottino.

Opere di San Gottardo Chiesa Milano

La Chiesa di San Gottardo si trova in via Pecorari, 2 a Milano telefono: 02 86464500 e rispetta i seguenti orari di apertura: 8.00 – 12.00 14.00 -16.00, sabato e domenica 8.30 -13.30.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *