Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato

Collegati per aver accesso ad offerte esclusive e sconti da urlo!

Facebook
Logout
MENU
Logo Windsor
MENU
Logo Windsor
Prenota ora
Prenota ora

Prenota subito la tua camera presso l'Hotel Windsor!

Arrivo
Partenza
Verifica
Disponibilità
Itinerari
Offerte Speciali
Itinerario su Misura

Crea il tuo itinerario con i local expert dell'Hotel Windsor!

Compila il form sottostante per consentirci di costruire il tuo itinerario, personalizzato in base alle tue esigenze e ai tuoi gusti.
Preparati a scoprire Milano da una nuova prospettiva!

Si, acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi della legge 196/2003 Italiana

Food

Dove mangiare fusion a Milano

News > Food | Dove mangiare fusion a Milano

Alzi la mano chi, sentendo la parola fusion, immagina una tavola imbandita con uramaki California e pollo alle mandorle. Giù quelle mani! La cucina fusion non è solo sinonimo di piatti giapponesi e cinesi che si incontrano: comprende, infatti, sapori e colori di una moltitudine di culture gastronomiche diverse.
E a Milano, capitale cosmopolita, questo avviene spesso.
Ecco, allora, un elenco dei locali dove assaporare l’incontro fra culture culinarie diverse.

Ciriboga, il fusion di via Savona

Ciriboga ristorante fusion

Credits immagine: www.nuok.it/milan/al-ciriboga-sapori-speciali-e-un-atmosfera-da-locanda/

Poco presente online, Ciriboga occupa via Savona e fa parlare il quartiere di sé. Due vetrine, un’insegna nera con il logo bianco e rosso: questo ristorante di cucina fusion è frequentato da habitué e da curiosi che decidono di vedere cosa c’è al di là dei rami e le foglie degli alberi davanti all’entrata. Quello che trovano è un piccolo locale colorato, arredato in maniera semplice, ma allo stesso tempo ricercata. Tavolini di legno, sedie diverse fra loro, piante e una lavagna che riporta il menù del giorno e i vini consigliati: l’atmosfera di Ciriboga è invitante e rilassata. Dietro a una porta blu con un cuore nel mezzo c’è la cucina, dove i cuochi si dilettano in invenzioni sempre originali e azzeccate. Gazpacho al mango, focaccia fritta con burrata, tris vegetariano… Tutto è pensato e realizzato dietro quella porta, anche il pane e i crostini che vi saranno serviti non appena prenderete posto davanti alla vostra tovaglietta di carta colorata.

Spezie esotiche e tradizione italiana: i piatti di Calù

Menù fusion Calù Milano

A metà fra una gastronomia da asporto e un ristorante, Calù si trova dietro Parco Sempione, in via Cesare Cesariano: si affaccia sulla piazza pedonale con i suoi tavolini e i suoi fiori.

Il cuoco e proprietario di Calù è Luca Marongiu. Ha 40 anni e il suo curriculum è all’insegna della ristorazione, prima come chef e, poi, come imprenditore. Questa sua duplice natura lo ha aiutato a capire quali sono i trend e le difficoltà del campo. È lui, insieme al suo gruppo di aiutanti, a lavorare in cucina, e a preparare piatti peculiari e divertenti. Alla base della cucina di Luca c’è la cultura nostrana che incontra, però, nuove spezie e ingredienti esotici. Dal loro scambio nascono hamburger, insalate e paste diverse da qualsiasi cosa abbiate provato fino ad adesso.
www.calubistrot.com

Calù ristorante fusion

Quando lo stilista incontra lo chef: Nobu

Ristorante di Armani a Milano

Lo stilista in questione è il Re delle passerelle, Giorgio Armani. Lo chef è l’Imperatore del sushi, Nobu.
La loro unione ha dato il via a uno dei locali più trendy di Milano, dietro Monte Napoleone. Recentemente ristrutturato, oggi Nobu invita i suoi clienti in uno spazio dove il nero, elegante e sobrio, è il colore principale.

Con un gioco di contrasti, il bianco del lungo bancone e il rosso delle sedie spiccano e lasciano intravedere il tocco dello stilista. La fusione, qui, non è solo quella di due menti creative, ma anche di due culture gastronomiche. Nobu, infatti, non si limita a servire piatti di sushi fresco, ma contamina la sua cucina con pesci nostrani: tempura, roll, merluzzo nero caramellato, tartare di ricciola con caviale. Il tutto, ovviamente, nel segno dell’eleganza.
armanirestaurants.com

Ristorante Nobu

La locanda asiatica con grandi alberi: Shambala

Dove mangiare fusion a Milano

Così si definisce Shambala: una locanda asiatica, nel mezzo di alberi. Infatti, è proprio questo ciò che ci troviamo di fronte: un edificio basso con le forme asiatiche, circondato da un meraviglioso giardino. Al suo interno, i protagonisti sono i colori caldi e gli arredi equilibrati ed esotici.

In cucina sono preparati piatti asiatici: non c’è una cucina che prevale sull’altra, ma, piuttosto, l’incontro dei diversi sapori dell’est senza che nessuno prevalga. In questo modo, frutti esotici come mango e papaya incontrano pesci d’acqua dolce e verdure colorate. Potete scegliere se sedervi al ristorante o se optare per l’aperitivo a otto euro.

www.shambalamilano.it

Un tempio a Milano

Ristorante Al tempio d'oro

Tutto fuorché un luogo di culto: così si descrive il Tempio d’Oro, il locale vicino a Pasteur, a due passi da Piazzale Loreto. Il Tempio d’Oro è grande e arredato in maniera rustica con larghi tavolini scuri che accolgono gruppi numerosi. Cena o aperitivo, il risultato è lo stesso: assaggerete piatti particolari, dove le spezie e i sapori esotici si uniscono a quelli nostrani. Al Tempio d’Oro è possibile trovare piatti da tutto il mondo, dal pesce alla carne, fino al dolce.
www.altempiodoro.it

Al tempio d'Oro

Il fusion non vi interessa e volete conoscere la cucina tradizionale di Milano?
Allora, date un’occhiata al nostro articolo su i piatti della cucina tipica milanese!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *