Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato

Collegati per aver accesso ad offerte esclusive e sconti da urlo!

Facebook
Logout
MENU
Logo Windsor
MENU
Logo Windsor
Prenota ora
Prenota ora

Prenota subito la tua camera presso l'Hotel Windsor!

Arrivo
Partenza
Verifica
Disponibilità
Itinerari
Offerte Speciali
Itinerario su Misura

Crea il tuo itinerario con i local expert dell'Hotel Windsor!

Compila il form sottostante per consentirci di costruire il tuo itinerario, personalizzato in base alle tue esigenze e ai tuoi gusti.
Preparati a scoprire Milano da una nuova prospettiva!

Si, acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi della legge 196/2003 Italiana

Food

Gin Rosa, cocktail chic nato a Milano

News > Food | Gin Rosa, cocktail chic nato a Milano

Corso Vittorio Emanuele è una via molto affollata tutti i giorni dell’anno; è una delle vie dello shopping più popolari e molti turisti si riversano su questa via pedonale, dove pullulano i caffè e gli spazi delle catene di abbigliamento più famose.
La zona San Babila ricorda una piccola City londinese, dove la sera gli uffici si svuotano e regna un silenzio quasi irreale. Il Gin Rosa sta proprio lì dietro, in Galleria San Babila.

Stiamo parlando di una vera e propria istituzione milanese, un pezzo della Milano storica che purtroppo nel corso degli anni ha perso qualche pezzo. È uno dei locali più antichi della città, sopravvissuto al periodo fascista e ai bombardamenti della seconda guerra mondiale. Nata allora come la “Bottiglieria del Leone”, che rievocava una Milano alle prese con la Serenissima veneziana, il locale era conosciuto come Bottiglieria Canetta, dal nome del proprietario, Maurizio Canetta.

L’enoteca subì un vistoso rinnovo nell’arredamento nei primi del 900, voluto da un altro proprietario, Luigi Donini. Con il susseguirsi delle gestioni cambiavano anche le varietà di cocktail che rendevano celebre il locale; si passa dal Costumé Canetta, bevanda dolciastra a base di fiori di assenzio distillati, alla Mistura Donini, uguale ma con l’aggiunta del Bitter, fino a quando, nel 1950, il Donini cedette l’attività alla famiglia Marangione, che avrebbe dato vita al Gin Rosa, da cui il locale prese il nome definitivo. Dal 1999 il locale è gestito dai coniugi Francesco e Nicoletta De Luca che, dopo aver aperto tanti caffè in città, hanno deciso di fermarsi al Gin Rosa che, con il Camparino, è uno dei locali più famosi del centro storico.

Dai cocktail personalizzati alla cucina tradizionale

Gin Rosa, cocktail chic nato a Milano

Il Gin Rosa è un cocktail nato da una mistura di 25 erbe, da bere semplicemente shakerato con ghiaccio oppure come base per altre bevande inventate tra le mura del locale come il Rosa alla Fragola, lo Spritz Rosa con Prosecco o l’American Rosa con Vermuth e Angostura.

Ma l’enoteca propone anche altre versioni come il Rosajito con arancia pestata o il Rosa Tonic con acqua tonica e così via. Dal 2000 il Gin Rosa è  prodotto e venduto in bottiglia ed è diventato una sorta di fratellino del Campari.
Ma il Gin Rosa non è solo un’enoteca per gli aperitivi; l’incontro tra la famiglia De Luca e lo chef Massimo Moroni ha portato anche all’apertura di una zona ristorante.

Gin Rosa locale storico di Milano

Cucina di origine lombarda, il ristorante propone specialità milanesi rivisitate per una clientela internazionale; una cucina di grande tradizione italiana rielaborata in chiave moderna, con un occhio di riguardo per le materie prime, sempre selezionate con cura. Tra i piatti originali la spuma al Gin rosa con tournedos di manzo. Da tener presente che il Gin Rosa organizza anche serate di degustazione in collaborazione con aziende vinicole.

Gin Rosa bar storico

Credits by: franco https://flic.kr/p/34ehin

Il Gin Rosa insomma è uno dei locali preferiti dai milanesi che qui sono abituati a venire per le colazioni, i pranzi e gli aperitivi.

Sito del locale: www.gin-rosa.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *