Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato

Collegati per aver accesso ad offerte esclusive e sconti da urlo!

Facebook
Logout
MENU
Logo Windsor
MENU
Logo Windsor
Prenota ora
Prenota ora

Prenota subito la tua camera presso l'Hotel Windsor!

Arrivo
Partenza
Verifica
Disponibilità
Itinerari
Offerte Speciali
Itinerario su Misura

Crea il tuo itinerario con i local expert dell'Hotel Windsor!

Compila il form sottostante per consentirci di costruire il tuo itinerario, personalizzato in base alle tue esigenze e ai tuoi gusti.
Preparati a scoprire Milano da una nuova prospettiva!

Si, acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi della legge 196/2003 Italiana

Food

I piatti tipici della cucina milanese

News > Food | I piatti tipici della cucina milanese

Paese che vai, gastronomia che trovi! Anche a Milano, dove, di giorno, la fretta ci obbliga a trangugiare tramezzini in metropolitana, e, di sera, lo stress ci imbocca con cioccolatini e panna.
Quando riusciamo a fermarci un attimo, ci ricordiamo che la cucina milanese offre un ampio menù di piatti tipici, apprezzabili soprattutto adesso che sta cominciando la stagione della “copertina e tè caldo”.

Risotto e zuppe: i primi piatti della capitale meneghina

La cucina milanese è composta soprattutto da piatti con un alto numero di calorie, le cui ricette sono state elaborate per trovare un rimedio al freddo invernale.
Non c’è da meravigliarsi, quindi, se uno dei primi piatti tipici sia il minestrone, o il minestron a la milanesa.
Non pensate che basti mettere a bollire della carne di pollo con delle verdure.

Prima, si devono recuperare cotiche di maiale, pancetta a pezzetti e un battuto di lardo, sedano, prezzemolo e carote. A questi vanno aggiunti, in acqua fredda, fagioli, patate e verdure e lasciati sbollire per almeno due ore. Riso e verza sono gli ultimi due ingredienti da aggiungere, prima di poter gustare un minestrone corposo e saporito.

I piatti della cucina milanese tipica
Se sentite la mancanza dei carboidrati, intervallate una cucchiaiata e l’altra con un morso alla michetta, il pane tipico di Milano, bianco e di farina di frumento. Un tempo, c’erano tre tipi di michetta, diversi per dimensioni: la michetta, la micca e la miccotta. Adesso, è sopravvissuta solo la michetta, considerata “pane comune”. Tagliatela a metà e farcitela con qualche formaggio della tradizione milanese, come il gorgonzola, gli stracchini molli o il taleggio: non ne resterete delusi!
Altri due primi piatti tipici della cucina milanese sono:
La polenta. Considerato sia cibo da poveri che da ricchi in base a come la si serviva: la polenta vedova era senza condimenti, mentre la polenta accomodada, condita o fritta.

Il piatto tipico del venerdì milanese e la polenta con il merluzzo, mentre quello più conosciuto e acclamato è tuttora la polenta pasticciata con salsiccia, grana e funghi.
Il risotto, da preparare inderogabilmente con il riso Carnaroli e da sfumare con il vino. La variante più famosa è il risotto allo zafferano, uno dei più gustosi quello mantecato, con più grana e burro crudo aggiunto a cottura ferma.

Polenta piatto tradizionale di Milano
La cotoletta è milanese e si cuoce nel burro

cotoletta milanese

Al centro di una disputa centenaria, la cotoletta regna sovrana nei menù milanesi. E quelli austriaci non dovrebbero impossessarsene. La cucina italiana e quella austriaca, infatti, si litigano da anni il primato sulla cotoletta: la prima afferma sia di origini meneghine, mentre la seconda che sia solo una replica della Schnitzel viennese. Inutile dirvi da che parte siamo schierati noi.

Tralasciamo per un attimo questo aspetto, e consideriamone un altro, altrettanto fondamentale.
La cotoletta è una fetta di lombata di vitello con l’osso impanata e fritta. Fritta nel burro! Diffidate di chi vi offre una cotoletta cotta nell’olio e, se avete particolarmente fame, scegliete un’orecchia di elefante, la versione maxi della cotoletta!

C’è sempre spazio per il dolce

Panettone di Milano

Ok, c’è chi preferisce il pandoro.
Ma, inutile negarlo, a Natale un panettone arriva sempre in tavola. E per questo dobbiamo ringraziare Milano: è qui infatti che, nel 1600, appare per la prima volta il panaton descritto come “un pan grosso quale si suol fare il giorno di Natale”.

Se cercate un dolce che si trovi tutto l’anno, optate per la barbajada. Il piatto prende il nome dal suo inventore Domenico Barbaia ed è una sorta di bevanda a base di caffè, cioccolato e latte, perfetta da accompagnare a biscotti o torte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *