Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato

Collegati per aver accesso ad offerte esclusive e sconti da urlo!

Facebook
Logout
MENU
Logo Windsor
MENU
Logo Windsor
Prenota ora
Prenota ora

Prenota subito la tua camera presso l'Hotel Windsor!

Arrivo
Partenza
Verifica
Disponibilità
Itinerari
Offerte Speciali
Itinerario su Misura

Crea il tuo itinerario con i local expert dell'Hotel Windsor!

Compila il form sottostante per consentirci di costruire il tuo itinerario, personalizzato in base alle tue esigenze e ai tuoi gusti.
Preparati a scoprire Milano da una nuova prospettiva!

Si, acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi della legge 196/2003 Italiana

Arte e Storia

Le chiese di Milano da visitare: San Vincenzo in Prato

News > Arte e Storia | Le chiese di Milano da visitare: San Vincenzo in Prato

Il Duomo di Milano è indubbiamente la chiesa più visitata della città. Tutti i giorni Piazza del Duomo brulica di turisti che fotografano questo capolavoro dell’arte gotica.
Molti sfoggiano anche il popolarissimo stick per gli smartphone; infatti il simbolo di Milano è immortalato su social network come Instagram migliaia di volte.

Milano però è ricca di chiese molto importanti anche se non così conosciute come il Duomo, e che spesso sono sottovalutate dai turisti.
Tra le chiese che meritano assolutamente una visita c’è senza dubbio San Vincenzo in Prato.

Dal periodo di declino ai grandi restauri

Le chiese di Milano da visitare: San Vincenzo in Prato

Credits: mapio.net

Situata in piano centro storico non lontano da Porta Genova, San Vincenzo in Prato è una delle chiese più antiche della città. Risale infatti al 859 d.c e costituisce una delle chiese in stile romanico più affascinanti di Milano.
La chiesa è stata un importante convento benedettino agli inizi dell’anno Mille ed ebbe, nel medioevo, secoli di grande splendore, per poi decadere in uno stato di crisi nel 1500.

Nel 1797 San Vincenzo in Prato fu sconsacrata e fu utilizzato come magazzino militare.

Nel 1810 la struttura fu addirittura venduta ad una ditta produttrice di sostanze chimiche che distrusse gli affreschi quattrocenteschi che ne decoravano l’interno.

Le chiese più belle di Milano

Credits: By Paolobon140 (Own work) [CC0], via Wikimedia Commons

Tra il 1880 ed il 1890 la basilica fu restaurata e la superficie interna della chiesa fu decorata con un’ornamentazione a guazzo. Inoltre furono edificati il nuovo campanile e la sacrestia.
La chiesa ha subito anche negli anni recenti importanti restauri, con i quali furono eliminati gran parte delle decorazioni e il pavimento fu sostituito.
Particolare cura è stata adottata per la cripta, completamente restaurata, che rappresenta uno dei migliori esempi in Italia di cripta “ad oratorio” di epoca romanica.
Basilica di san Vincenzo in Prato a Milano

La struttura della chiesa ha un evidente impianto architettonico paleocristiano risalente al periodo compreso tra il IX e l’XI secolo. San Vincenzo in Prato è strutturata con tre navate con copertura a lunetta, tipico di tutte le classiche Basiliche. L’abside ed il timpano, anche dopo i restauri, sono rimasti originali e costituiscono l’elemento stilisticamente più significativo dell’esterno, mentre le absidi minori risalgono al periodo Ottocentesco.

Entrambi sono ornati al loro interno da motivi romanici e da archetti in cotto; qui si trovano affreschi come quello della “Madonna del pianto”, del XV secolo, proveniente dalla chiesetta di S. Calocero e attribuito alla scuola degli Zavattari. Nella navata di destra c’è un altro frammento di affresco portato da S. Calocero, la “Madonna dell’aiuto”. L’altare contiene l’urna con le reliquie dei martiri portate a S. Vincenzo tra il IX e l’XI secolo.

Curioso è il fatto che dentro di esso si trovi tuttora un pozzo antico, le cui acque erano considerate miracolose. All’interno le navate sono sorrette da capitelli che risalgono a vari periodi storici, da quello romano a quello alto medievale.

I restauri continuarono fino alla metà degli anni ’90 e si decise di ripulire la chiesa togliendo alcuni affreschi Ottocenteschi che ne evidenziavano il falso storico.

Si decise così di semplificare l’alto presbiterio e le sue colonnine lasciando solo le murature storiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *