Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato

Collegati per aver accesso ad offerte esclusive e sconti da urlo!

Facebook
Logout
MENU
Logo Windsor
MENU
Logo Windsor
Prenota ora
Prenota ora

Prenota subito la tua camera presso l'Hotel Windsor!

Arrivo
Partenza
Verifica
Disponibilità
Itinerari
Offerte Speciali
Itinerario su Misura

Crea il tuo itinerario con i local expert dell'Hotel Windsor!

Compila il form sottostante per consentirci di costruire il tuo itinerario, personalizzato in base alle tue esigenze e ai tuoi gusti.
Preparati a scoprire Milano da una nuova prospettiva!

Si, acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi della legge 196/2003 Italiana

Arte e Storia

Milano liberty, un percorso tematico nel cuore della città

News > Arte e Storia | Milano liberty, un percorso tematico nel cuore della città

In Europa, tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento, nasce un nuovo movimento artistico.
È un commerciante londinese, Arthur Lasenby Liberty, a ispirarne il nome: vendeva oggetti orientali ed era promotore di uno stile nuovo ed elegante che si interrogava sullo studio delle forme naturali col fine di coglierne l’eleganza decorativa.
Lontana da Arthur Lasenby Liberty, Milano riflesse quell’inclinazione sulle facciate dei suoi edifici, sugli ornamenti e sulle statue.
Oltre la prima piscina italiana e fino a una farmacia, l’itinerario liberty di Milano interessa le zone di Porta Venezia e di S. Ambrogio.

L’itinerario liberty della Milano vicino a Sant’Ambrogio: farmacie e decorazioni

Santa Teresa farmacia liberty Milano

Credits foto: http://bit.ly/1TyRJQQ

Iniziato con un negozio a Londra, continua con uno a Milano. All’angolo tra Corso Magenta e via Boccaccio, però, non ci sono oggetti orientali in vendita, bensì pasticche per la tosse: è la farmacia Santa Teresa, tuttora operante.

I suoi arredi e le sue ceramiche dipinte con motivi floreali furono prodotti dalla ditta Bottigelli: la facciata rappresentò, per la prima volta, un vero e proprio elemento decorativo.
L’edificio che ospita la farmacia è ugualmente interessante: casa Laugier, costruita dall’architetto Tagliaferri, permette il dialogo fra ferro battuto e teste leonine, che risulta equilibrato nonostante il contrasto cromatico fra il mattone e gli altri elementi.

L’ornamento è fondamentale per il liberty come testimonianza dell’equilibrio nella ricerca del gusto.
Seppur semplice nel suo insieme, la casa progettata dall’ingegnere Moneta, in via Ausonio 3, mostra l’importanza dell’ornamento. Cercate il cancello in ferro battuto dell’ingresso delle farfalle, dove piccole gemme colorate sono racchiuse in una cornice di ali di farfalla. Gli animali che i più trovano sgradevoli, come insetti e rettili, sono esaltati dallo stile liberty che conferisce loro il più alto equilibrio possibile tra natura e architettura.

Le dimore della Porta Venezia Liberty

Campanini

Credits foto: http://bit.ly/1PQnhOz

Due figure femminili circondano il portone verde in via Bellini 11. È casa Campanini, elegante, ma non imponente, dove il colore dell’intonaco rilassa e i motivi delle scale meravigliano.
Nel vicino Quadrilatero del Silenzio, c’è un’altra dimora liberty: l’ultima a essere costruita secondo i dettami dello stile. La costruzione della casa Berri Meregalli termina solo nel 1915 e coinvolge l’architetto Giulio Ulisse Arata e numerosi artisti per le facciate e le sculture.

Milano liberty, un percorso tematico nel cuore della città
Credits foto: http://bit.ly/1PQnl0E

La scelta di Arata vede prevalere l’elemento animale su quello vegetale e, infatti, leoni, gufi e arieti prendono forma sulle sue mura.
Dall’ultimo edificio in stile liberty al primo costruito a Milano: è sempre una casa e si trova lì vicino, in Corso Venezia 47/49.

Palazzo Castiglioni sorge nel 1903 nel mezzo del sobrio neoclassicismo settecentesco: in una zona devota alla nobiltà, dirompe con il suo stile. Non sono solo le dimensioni ad attirare l’attenzione: due figure femminili custodiscono anche questa volta la porta. Ma, a differenza di via Bellini, danno le spalle ai passanti mentre, curiose, sbirciano dentro il palazzo. La loro postura e l’assenza di veli conferirono al palazzo il soprannome di Ca’ di ciapp. Oggi, per vedere quelle chiappe bisogna andare nella villa Romeo Faccanoni di via Buonarroti: considerate oltremodo impudiche, furono rimosse da Palazzo Castiglioni.

Palazzo Castiglioni

Credits foto: http://bit.ly/1PQnl0E

Due palazzi concludono l’itinerario liberty di Milano.
Sono, anch’esse, due dimore, ma si differenziano notevolmente dalle altre. Nello stile, sono uguali: cambia chi le abita.
I primi sono i viaggiatori che soggiornano nelle stanze dell’hotel Diana Majestic, oggi parte della catena Sheraton. Quello che oggi è un elegante hotel era un tempo la prima piscina italiana e portava il nome di Bagni Diana. L’edificio di viale Piave 3 ha sempre svolto un ruolo fondamentale a Milano: inizialmente una via di mezzo tra teatro, ristorante e albergo diventa prima lo sferisterio, dove si gioca a palla basca, poi palcoscenico per le sfilate di Dolce e Gabbana.

Itinerario Liberty a Milano

Credits foto: http://bit.ly/1KBJjFG

Il secondo e ultimo edificio, invece, è abitato da pesci. Stiamo parlando dell’Acquario Civico di Milano, l’unico padiglione rimasto intatto dall’Expo del 1906.

L’interesse intorno al mondo acquatico era supportato dalle recenti uscite editoriali de L’origine delle Specie di Darwin e Ventimila leghe sotto i mari di Verne. Quello di Milano è uno dei primi acquari al mondo che sfrutta le forme sinuose marine per mostrare uno stile liberty vivace e grazioso.

Acquario civico di Milano

Credits foto: http://bit.ly/1T0dRUF

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *