Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato

Collegati per aver accesso ad offerte esclusive e sconti da urlo!

Facebook
Logout
MENU
Logo Windsor
MENU
Logo Windsor
Prenota ora
Prenota ora

Prenota subito la tua camera presso l'Hotel Windsor!

Arrivo
Partenza
Verifica
Disponibilità
Itinerari
Offerte Speciali
Itinerario su Misura

Crea il tuo itinerario con i local expert dell'Hotel Windsor!

Compila il form sottostante per consentirci di costruire il tuo itinerario, personalizzato in base alle tue esigenze e ai tuoi gusti.
Preparati a scoprire Milano da una nuova prospettiva!

Si, acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi della legge 196/2003 Italiana

Arte e Storia

Milano segreta: la fontana a Pinocchio

News > Arte e Storia | Milano segreta: la fontana a Pinocchio

Accanto alle attrattive più celebri, Milano riserva dei luoghi poco noti ai turisti come la fontana a Pinocchio, certamente uno dei monumenti che meritano una visita.

Se provate a chiedere a qualche milanese della sua esistenza, possiamo scommettere che in molti non sapranno cosa rispondervi.

Eppure questa insolita fontana esiste a Milano dal 19 Maggio del 1956, quando una grande festa inaugurò il campo giochi dei giardinetti di Corso Indipendenza allestito dal Comune.

Davanti agli occhi curiosi di una piccola folla di genitori fu svelato questo monumento realizzato l’anno precedente dallo scultore Attilio Fagioli (1877-1966).

Quando i bambini del corso e delle vie vicine si recarono a giocare al nuovo parchetto nei giorni seguenti, spalancarono gli occhi sorpresi di ritrovarsi a giocare con Pinocchio, il Gatto e la Volpe!

Un po’ di storia

La fontana ritrae Pinocchio, diventato bambino, che osserva il corpo inanimato del burattino che era.
Ai lati del basamento sono raffigurati il Gatto e la Volpe. Al centro, nel pilastro che sorregge Pinocchio, è incisa una frase del poeta Antonio Negri che ispirò quest’opera allo scultore: «Com’ero buffo quand’ero un burattino! E tu che mi guardi, sei ben sicuro di aver domato il burattino che vive in te? ».

Nel 1955 Attilio Fagioli aveva plasmato il suo Pinocchio proprio come aveva fatto Mastro Geppetto per il suo burattino nella favola di Collodi.

I bambini erano il suo forte e il viso di Pinocchio sembra vero anche se è di bronzo. Il monumento fu donato poi alla città dalla Famiglia Artistica.

Fontana a Pinocchio Milano

Una favola con lieto fine

Proprio come in una favola anche questo Pinocchio di bronzo ha vissuto diverse peripezie.
La fontana di Pinocchio, infatti, collocata in un piccolo angolo segreto di Milano, ha rischiato di rovinarsi per incuria, ma fortunatamente è stato salvata poco più di un anno fa grazie ad un attento e scrupoloso restauro.

La fontana a Pinocchio è stata infatti oggetto durante gli ultimi 20 anni di numerosi atti vandalici tra cui il furto del gatto di bronzo, uno dei personaggi principali del libro di Collodi che faceva coppia con la volpe.
A questo si aggiungeva la totale mancanza d’acqua nella fontana.

Un gioiello abbandonato a un triste destino e segnalato dai cittadini attraverso i canali social come un “monumento da salvare”.

Foto-1

Il lieto fine arriva a Dicembre 2013: realizzata nuovamente la statua del gatto, è stata anche ripulita e rimessa in funzione la fontana, dotata di un nuovo impianto, e sono stati curati i giardini circostanti col rifacimento della pavimentazione.

Ai lavori di restauro ha contribuito anche la nipote dello scultore Fagioli, Sandra Tofanari, che ha presenziato alla cerimonia di presentazione della nuova fontana.

milano-fontana

Se state organizzando un viaggio a Milano, magari con i vostri bambini, includete una visita alla Fontana a Pinocchio in Corso Indipendenza portando con voi l’omonimo libro da leggere ai più piccoli, vivrete la sensazione di essere avvolti da un’atmosfera realmente fiabesca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *