Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato

Collegati per aver accesso ad offerte esclusive e sconti da urlo!

Facebook
Logout
MENU
Logo Windsor
MENU
Logo Windsor
Prenota ora
Prenota ora

Prenota subito la tua camera presso l'Hotel Windsor!

Arrivo
Partenza
Verifica
Disponibilità
Itinerari
Offerte Speciali
Itinerario su Misura

Crea il tuo itinerario con i local expert dell'Hotel Windsor!

Compila il form sottostante per consentirci di costruire il tuo itinerario, personalizzato in base alle tue esigenze e ai tuoi gusti.
Preparati a scoprire Milano da una nuova prospettiva!

Si, acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi della legge 196/2003 Italiana

Food

Storia del panettone, dolce tipico di Milano

News > Food | Storia del panettone, dolce tipico di Milano

Qualcuno preferisce il pandoro. C’è chi toglie tutti i canditi, uno a uno. Chi non si accontenta di quello del supermercato, e va in pasticceria. C’è chi combatte per quello al cioccolato, e chi lo considera un’eresia.

Di qualsiasi fazione tu faccia parte, siamo sicuri che sarai d’accordo con noi nell’affermare che, senza panettone, non è davvero Natale. E, udite, udite, il panettone è nato proprio a Milano!

Ma quando è stata ideata la ricetta del panettone?

La storia del panettone: com’è nato il dolce natalizio simbolo di Milano

Panettone-basso

Nell’XI secolo a Milano, durante le feste natalizie, era tradizione preparare tre grandi pani diversi da quelli che si era soliti mangiare durante tutto l’anno.

Il pater familias eseguiva il rito del ciocco: la vigilia di Natale si deponeva nel camino un grande ciocco di legno mentre si portavano a tavola i tre pani di frumento, a quel tempo materia prima pregiata. Il pater familias tagliava i pani, serviva una fetta a ogni commensale e ne conservava una per l’anno dopo, come segno di continuità.

Il pane di frumento era una rarità, preparata solo per gli eventi speciali: fino all’arrivo di Motta, infatti, tutti i forni di Milano avevano il permesso di sfornare pane di frumento solo a Natale, come omaggio ai clienti abituali.

Questo è vero, se si fa eccezione per il prestino dei Rosti, vicino a Piazza Mercanti e fornitore dei più abbienti. La storia ci insegna che fu Angelo Motta a cominciare a produrre e vendere uno di questi pani non solo durante il periodo natalizio.

La leggenda ci narra, invece, che “uno di questi pani” messo in commercio altro non era che il panettone, e che il suo creatore si chiamava Toni. Garzone della cucina della corte di Ludovico il Moro, Toni riuscì a evitare una crisi natalizia quando il cuoco bruciò il dolce e lui propose di servire un dolce di sua invenzione: un pane di frumento, arricchito con burro, canditi e uvetta.

Il suo dolce fu così apprezzato che prese il nome del suo fondatore: il pan del Toni, che, con gli anni, si è trasformato in panettone. Un’altra leggenda racconta della storia d’amore fra Ughetto e Adalgisa.

Il Toni era un fornaio, padre di Adalgisa. Il cavaliere Ughetto degli Antellari si finse apprendista fornaio per stare vicino all’amata e, una volta nel forno d Toni, preparò un dolce da offrire alla sua amata. Il risultato fu così sorprendente che Toni diede sua figlia in moglie e cominciò a produrre il dolce del genero.

Dalla leggenda alla tavola: i formati del panettone

Panettoni-all-over

Credits: https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Panettone_in_prison_kitchen_in_Padova,_Italy_(15600038742).jpg

Che sia opera del Toni o di Ughetto poco importa: noi li ringraziamo entrambi e ci prepariamo a servire a tavola un panettone, in uno dei suoi formati.

Il panettone è nato basso. La quantità di grano e di burro, in esso contenuta, era poca e, da questo, dipendeva la sua forma schiacciata. È ancora Angelo Motta a rivoluzionare le cose.

Oltre a cominciare la sua vendita durante tutto l’anno, infatti, Motta ha un colpo di genio durante una partita di duecento kulic per la comunità russa di Milano: per rendere la produzione più pregiata, decide, infatti, di cambiare la forma del panettone, fasciandolo con carta paglia e dandogli uno slancio verticale.

Oggi, però, non esiste solo il panettone verticale di Motta: le pasticcerie milanesi hanno, infatti, continuato a produrre il panettone-pagnotta. Sta a voi decidere il vostro preferito!

Cosa c’entra San Biagio?

Se non siete mai stati a Milano, il nome di San BIagio vi suonerà nuovo. Se sarete a Milano durante il Natale, invece, dovrete fare la sua conoscenza.

A Milano, la tradizione di conservare una porzione di panettone della vigilia si è conservata dall’XI secolo.

Oggi, però, non si aspetta fino all’anno dopo, ma lo si mangia il 3 febbraio, il giorno della festa di San Biagio, come gesto propiziatorio contro il mal di gola e il raffreddore: del resto, a Milano, c’è il detto “San Bias el benediss la gola e el nas”!

Se capitate a Milano il 3 febbraio, sappiate che i pasticceri venderanno i loro panettoni di San Biagio a bassissimo prezzo!

Credits foto Panettone anteprima: www.flickr.com/photos/15216811@N06/5300955223

Panettone-alto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *