Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato

Collegati per aver accesso ad offerte esclusive e sconti da urlo!

Facebook
Logout
MENU
Logo Windsor
MENU
Logo Windsor
Prenota ora
Prenota ora
Itinerari
Offerte Speciali
Itinerario su Misura

Crea il tuo itinerario con i local expert dell'Hotel Windsor!

Compila il form sottostante per consentirci di costruire il tuo itinerario, personalizzato in base alle tue esigenze e ai tuoi gusti.
Preparati a scoprire Milano da una nuova prospettiva!

    Si, acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi del Regolamento (EU) 2016/679

    Food

    Dove mangiare fusion a Milano

    News > Food | Dove mangiare fusion a Milano

    Alzi la mano chi, sentendo la parola fusion, immagina una tavola imbandita con uramaki California e pollo alle mandorle. Giù quelle mani! La cucina fusion non è solo sinonimo di piatti giapponesi e cinesi che si incontrano: comprende, infatti, sapori e colori di una moltitudine di culture gastronomiche diverse.
    E a Milano, capitale cosmopolita, questo avviene spesso.
    Ecco, allora, un elenco dei locali dove assaporare l’incontro fra culture culinarie diverse.

    Ciriboga, il fusion di via Savona

    Ciriboga ristorante fusion

    Credits immagine: www.nuok.it/milan/al-ciriboga-sapori-speciali-e-un-atmosfera-da-locanda/

    Poco presente online, Ciriboga occupa via Savona e fa parlare il quartiere di sé. Due vetrine, un’insegna nera con il logo bianco e rosso: questo ristorante di cucina fusion è frequentato da habitué e da curiosi che decidono di vedere cosa c’è al di là dei rami e le foglie degli alberi davanti all’entrata. Quello che trovano è un piccolo locale colorato, arredato in maniera semplice, ma allo stesso tempo ricercata. Tavolini di legno, sedie diverse fra loro, piante e una lavagna che riporta il menù del giorno e i vini consigliati: l’atmosfera di Ciriboga è invitante e rilassata. Dietro a una porta blu con un cuore nel mezzo c’è la cucina, dove i cuochi si dilettano in invenzioni sempre originali e azzeccate. Gazpacho al mango, focaccia fritta con burrata, tris vegetariano… Tutto è pensato e realizzato dietro quella porta, anche il pane e i crostini che vi saranno serviti non appena prenderete posto davanti alla vostra tovaglietta di carta colorata.

    Spezie esotiche e tradizione italiana: i piatti di Calù

    Menù fusion Calù Milano

    A metà fra una gastronomia da asporto e un ristorante, Calù si trova dietro Parco Sempione, in via Cesare Cesariano: si affaccia sulla piazza pedonale con i suoi tavolini e i suoi fiori.

    Il cuoco e proprietario di Calù è Luca Marongiu. Ha 40 anni e il suo curriculum è all’insegna della ristorazione, prima come chef e, poi, come imprenditore. Questa sua duplice natura lo ha aiutato a capire quali sono i trend e le difficoltà del campo. È lui, insieme al suo gruppo di aiutanti, a lavorare in cucina, e a preparare piatti peculiari e divertenti. Alla base della cucina di Luca c’è la cultura nostrana che incontra, però, nuove spezie e ingredienti esotici. Dal loro scambio nascono hamburger, insalate e paste diverse da qualsiasi cosa abbiate provato fino ad adesso.
    www.calubistrot.com

    Calù ristorante fusion

    Quando lo stilista incontra lo chef: Nobu

    Ristorante di Armani a Milano

    Lo stilista in questione è il Re delle passerelle, Giorgio Armani. Lo chef è l’Imperatore del sushi, Nobu.
    La loro unione ha dato il via a uno dei locali più trendy di Milano, dietro Monte Napoleone. Recentemente ristrutturato, oggi Nobu invita i suoi clienti in uno spazio dove il nero, elegante e sobrio, è il colore principale.

    Con un gioco di contrasti, il bianco del lungo bancone e il rosso delle sedie spiccano e lasciano intravedere il tocco dello stilista. La fusione, qui, non è solo quella di due menti creative, ma anche di due culture gastronomiche. Nobu, infatti, non si limita a servire piatti di sushi fresco, ma contamina la sua cucina con pesci nostrani: tempura, roll, merluzzo nero caramellato, tartare di ricciola con caviale. Il tutto, ovviamente, nel segno dell’eleganza.
    armanirestaurants.com

    Ristorante Nobu

    La locanda asiatica con grandi alberi: Shambala

    Dove mangiare fusion a Milano

    Così si definisce Shambala: una locanda asiatica, nel mezzo di alberi. Infatti, è proprio questo ciò che ci troviamo di fronte: un edificio basso con le forme asiatiche, circondato da un meraviglioso giardino. Al suo interno, i protagonisti sono i colori caldi e gli arredi equilibrati ed esotici.

    In cucina sono preparati piatti asiatici: non c’è una cucina che prevale sull’altra, ma, piuttosto, l’incontro dei diversi sapori dell’est senza che nessuno prevalga. In questo modo, frutti esotici come mango e papaya incontrano pesci d’acqua dolce e verdure colorate. Potete scegliere se sedervi al ristorante o se optare per l’aperitivo a otto euro.

    www.shambalamilano.it

    Un tempio a Milano

    Ristorante Al tempio d'oro

    Tutto fuorché un luogo di culto: così si descrive il Tempio d’Oro, il locale vicino a Pasteur, a due passi da Piazzale Loreto. Il Tempio d’Oro è grande e arredato in maniera rustica con larghi tavolini scuri che accolgono gruppi numerosi. Cena o aperitivo, il risultato è lo stesso: assaggerete piatti particolari, dove le spezie e i sapori esotici si uniscono a quelli nostrani. Al Tempio d’Oro è possibile trovare piatti da tutto il mondo, dal pesce alla carne, fino al dolce.
    www.altempiodoro.it

    Al tempio d'Oro

    Il fusion non vi interessa e volete conoscere la cucina tradizionale di Milano?
    Allora, date un’occhiata al nostro articolo su i piatti della cucina tipica milanese!

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *